Vetrerie Sangalli: risposta ai confedera…

Questa la risposta all'articolo fatto dai confederali che si erano presi tutto il merito, non si sa per cosa dato che in tre più UGL rappresentano circa 7/8 Lavoratori.Questo il...

Read more

L’USI CHIAMA TUTTI/E DI NUOVO ALLA LOTTA…

Il 6 maggio ancora in mobilitazione, con un corteo che, come lo sciopero e la manifestazione dell’8 MARZO, acquista una particolare importanza, perché collega le lotte di resistenza che TUTTO...

Read more

Il fronte del No alle deleghe scende in …

Mentre la discussione politica all’interno del PD si infiamma, il fronte del No alle deleghe della legge 107/2015 è sempre più consistente e interno anche allo stesso PD.Dopo il tavolo...

Read more

“IO SO IO...E VOI...”… IL MERAVIGLIOSO …

Da RSU USI Zètema P.C. srl(RESOCONTO TAVOLO TRATTATIVA CENTRALE) Care/i colleghe/i, l'8 novembre 2016, si è tenuto il tavolo RSU in cui si dovevano discutere valorizzazioni e welfare. Buona parte del...

Read more

IL RAZZISMO FASCISTA: presentazione del …

Presentazione del libro: IL RAZZISMO FASCISTATrieste, 18 settembre 1938a cura di Claudio Cossu e Claudio Venza(Collana KAPPA VU STORIA, 2014) TRICESIMO (UD)sabato 28 gennaio, ore 18.00Sala Consiliare del ComuneLo scopo del...

Read more

FARMACAP: ANCORA NON CI SIAMO!

Il 12 gennaio 2017, come lavoratrici e lavoratori dell’Azienda Speciale Comunale Farmacap, abbiamo manifestato numerosi, presso la sede dell’Assessorato e Dipartimento Politiche sociali e alla persona di ROMA CAPITALE a...

Read more
More from this category

Donne in Lotta - No Austerity

Vota questo articolo
(0 Voti)

megafonoNESSUN DIRITTO ALLE DONNE… QUANDO STANNO ZITTE E QUANDO PARLANO

Come Donne in lotta e come intero Fronte di lotta No Austerity iniziamo coll’esprimere ovviamente la massima, totale e incondizionata solidarietà a tutte le vittime della vicenda che stiamo per illustrare, e coll’affermare la nostra volontà di non abbandonare la lotta per il riconoscimento dei nostri diritti.

Qualche mese fa il processo per un caso di stupro, quello di Laura, ripetutamente violentata e minacciata sul posto di lavoro da parte di un collega, si è chiuso con una sentenza assurda: l’assoluzione del molestatore poiché Laura che ha denunciato le violenze e minacce subite per anni sul posto di lavoro, non ha urlato e in questo modo avrebbe manifestato il suo consenso.

Il fatto che un’aggressione possa paralizzarti e impedirti di chiedere aiuto, per la paura di conseguenze fisiche peggiori o per il ricatto di perdere il posto di lavoro, non sono motivazioni sufficienti per giustificare il silenzio.

Qualche giorno fa una compagna della rete torinese di Non Una di Meno ha subìto una perquisizione della propria abitazione da parte di agenti della Questura, a partire dalle indagini in corso sul presidio svoltosi lo scorso 12 aprile sotto il tribunale di Torino dopo la sentenza: l’aggressore, forte dell'assoluzione, ha infatti sporto denuncia per diffamazione. Si è quindi aperta una nuova indagine contro chi ha avuto il coraggio di sostenere che se una donna dice "basta" è stupro.

Due fatti clamorosi e paradossali: le donne vengono punite sia quando stanno zitte sia quando hanno il coraggio di parlare. Due fatti che ci spingono a riflettere su cosa davvero questa società ci chiede di essere: comparse sullo sfondo che possono essere chiamate ad apparire solo a comando e secondo i bisogni altrui.

Non siamo disposte a piegarci, né ad arretrare: saremo in piazza a protestare in ogni occasione in cui si profili un attacco ai nostri diritti.

Chi colpisce una, colpisce tutte.

Solidarietà a tutte le donne vittime di stupro, di repressione ed oppressione!

Donne in Lotta - No Austerity

Articoli correlati (da tag)

cpr certification online
cpr certification onlinecpr certification onlinecpr certification online